«

»

Cetaceo spiaggiato

Venerdì 14 agosto, lungo il tratto di costa tra il Porticciolo di Chioma e quello di Scaglietti si è “spiaggiato” il corpo del capodoglio che da giorni era alla deriva di fronte alla costa livornese. Le operazioni di recupero, coordinate dall’Ufficio Circondariale di Castiglioncello hanno visto impegnati i sommozzatori dei Vigili del Fuoco, i volontari del CASM, i gestori del Porticciolo del Chioma e un paio di volontari dell’Associazione Costiera di Calafuria. Le operazioni sono state svolte dal mare: il tratto di costa dove si è spiaggiato l’animale non è facilmente accessibile via terra e quindi era impensabile poter agire diversamente. I sommozzatori si sono avvicinati alla carcassa cercando il punto migliore dove far passare una cima allo scopo di allontanare il corpo dagli scogli e poi poter procedere al rimorchio fino al Porto di Livorno. La mole dell’animale e le condizioni ambientali non hanno sicuramente aiutato gli operatori a far passare l’imbracatura. La poca trasparenza dell’acqua, a causa della decomposizione dei tessuti esterni, la presenza di uno spesso strato di “olio” e quella massiccia di meduse della specie urticante Pelagia noctiluca non hanno reso semplice l’operazione.
La carcassa seppur in evidente stato di decomposizione mostrava comunque tutti i caratteri descrittori dell’animale, cioè un capodoglio (Physeter macrocephalus) di circa 13 metri, maschio, con la mandibola inferiore incastrata negli scogli. E’ stato quindi deciso di imbracare la parte posteriore, poco prima della pinna caudale nella speranza di non spezzare la carcassa in due parti con la fuoriuscita dei tessuti interni ormai decomposti che avrebbe certamente creato problemi maggiori.
Fortunatamente l’imbracatura ha tenuto e quindi la motovedetta dei VVFF ha potuto trainare la carcassa fino al porto di Livorno per il suo successivo trasporto in discarica.
Non è il primo caso di spiaggiamento di un capodoglio nelle acque toscane; l’ARPAT, a supporto dell’Osservatorio dei Cetacei, monitora continuamente questo tipo di fenomeni creando una banca dati utile per scoprire le cause e pensare ad azioni preventive.

I sommozzatori si avvicinano alla carcassa

I sommozzatori si avvicinano alla carcassa

  • Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi